FOLLOW US

SEARCH SITE BY TYPING (ESC TO CLOSE)

+39 338 879 6888it
ende

Skip to Content

Il Po è Natura…!

il Grande Fiume per eccellenza, 652 km che lo incoronano il fiume più lungo d’Italia , ha plasmato nel corso dei secoli un territorio di pianure, aree golenali e isole fluviali fino alla vasta zona umida del delta.

Da giugno 2019, il tratto medio padano del Po – il Po Grande che in Emilia comprende le province di Piacenza, Parma e Reggio Emilia –è stato proclamato Riserva della Biosfera MaB UNESCO  un’attestazione che certifica  un territorio dove la biodiversità convive storicamente con l’attività dell’uomo in un’ottica sostenibile. Un tesoro poco conosciuto, prima di tutto naturalistico, con il suo sistema di isole, lanche, golene e spiaggioni, di boschi di pioppi e salici, di avifauna e non solo.

Il tratto finale del Po, che si divide in vari rami prima di buttarsi nell’Adriatico, forma una vasta zona d’acqua e terra, l’ ambiente unico del Delta del Po, dal 2015 Patrimonio UNESCO

Le vie d’acqua, i boschi litoranei, le valli, (acque salmastre di mare e fiume), le saline sono luoghi di natura incontaminata, oasi e dimora per fenicotteri, aironi , anatre e altri specie di uccelli acquatici.

Il Po è cultura e tradizioni..!

Come scriveva Giovannino Guareschi, il Po comincia a Piacenza (l’unica città emiliana attraversata dal Po) e nel suo scorrere orizzontale (come tutti i fiumi che si rispettano), incontra il mondo contadino. Qui poco o nulla è cambiato nel tempo, troviamo un Mondo Piccolo, di case e  cascine sparse qua e là in una pianura che sembra infinita, uguali il caldo d’estate e le nebbie d’inverno, uguali gli odori dei campi e i sapori della tavola.

Incontra i piccoli borghi : Zibello, Polesine, RoccaBianca, terre del culatello nel territorio parmense, scendendo con il fiume arriviamo alle terre reggiane con Brescello, set cinematografico di Don  Camillo e Peppone, Gualtieri, Guastalla, Luzzara, piccole capitali rinascimentali,  fino ad arrivare nel ferrarese a Stellata dove il Po si dirama nel Po di Volano, Ro, con i suoi cinque piccoli borghi celebrati dal romanzo Il mulino del Po di Bacchelli, e infine Codigoro e Goro, borghi del delta.

Nelle terre reggiane sono ambientati due recenti romanzi di Enrico Messori: Ritorno a Correggio (2019) e Schegge d’Ambra nella Bassa (2020), entrambi editi da Macchione Editore.

www.EnricoMessori.it

Curiosità

Birdwatching e Fotografia naturalistica

Il parco del delta del Po è la più importante area ornitologica italiana e una delle più interessanti d’Europa. E’ un punto di osservazione privilegiato per ammirare le numerosissime specie di uccelli acquatici che qui trovano habitat adatti per rifugiarsi e nidificare.

Anche se durante tutto l’anno è possibile fare interessanti osservazioni, è nei mesi di transito migratorio, compresi tra metà Luglio e metà Ottobre, che si registra il maggior numero di specie (più di 50 fra soli uccelli e acquatici). E’ questo il periodo nel quale si possono organizzare escursioni esclusive in barca con esperte guide ambientali, e su richiesta anche con fotografi professionisti, un paradiso per naturalisti e birdwatchers.

Animali fantastici…dove trovarli!

L’ambiente del fiume è ricco di fauna, Nonostante l’ambiente sia stato fortemente antropizzato, ci sono angoli di natura selvaggia e negli ultimi anni si sono create oasi, anche in zone recuperate dall’industria.

In primavera è possibile avvistare l’elegante Cavaliere d’Italia, inconfondibile per le lunghissime zampe rosse, il piumaggio bianco e nero e il becco sottile.

Le vie d’acqua, i boschi litoranei, le valli, (acque salmastre di mare e fiume), le saline sono luoghi di natura incontaminata, oasi e dimora per fenicotteri, aironi , anatre e altri specie di uccelli acquatici.

Non solo uccelli, anche mammiferi, nel  Boscone della Mesola,  incontrare i cervi potrebbe essere un’emozione straordinaria. Possiamo realizzare itinerari guidati in pulmino elettrico alla scoperta di unici ed esclusivi percorsi all’interno della Riserva Naturale Gran Bosco della Mesola, in un’area preclusa al pubblico. Qui sarà possibile incontrare i cervi e i daini che vivono liberi nella riserva.

 

 

Back To TopBack To Top