FOLLOW US

SEARCH SITE BY TYPING (ESC TO CLOSE)

+39 338 879 6888it
ende

Skip to Content

Reggio Emilia è una piccola perla, una città a misura d’uomo, dove il tempo sembra scorrere più lentamente.

Chiostri di grande fascino, portici, antiche botteghe di artigiani, splendide piazze e grandi opere di architettura industriale, senza dimenticare le eccellenze alimentari, come il famoso parmigianoreggiano, un tempo prodotto nei caselli sorti presso i monasteri dei monaci Benedettini della zona di Reggio Emilia e Parma.

Già dalle opere dell’architetto Santiago Calatrava, i famosi ponti all’ingresso dell’autostrada e la stazione Mediopadana, destinata all’alta velocità, si ha un’idea di ciò che promette questa città. I ponti di Calatrava sono considerati i più belli d’Italia e hanno  ottenuto un riconoscimento internazionale : l’European Steel Design Award 2009, premio per l’utilizzo creativo dell’acciaio. 

Reggio Emilia è famosa anche per ragioni storiche: all’interno del Palazzo del Comune, il Congresso delle città dell’Emilia diede vita il 7 Gennaio 1797 alla Repubblica Cispadana che durò fino al 1799 quando Napoleone fu sconfitto dagli austro-russi. Quella Repubblica scelse come bandiera il tricolore (vessillo orizzontale) che sarebbe poi diventata la bandiera del Regno di Sardegna e infine d’Italia (vessillo verticale).

Il centro storico è ricco di piccole e grandi piazze che, soprattutto dopo i restyling architettonici degli ultimi anni, sono diventate luoghi di animato ritrovo. Ve ne citiamo solo alcune:

Piazza della Vittoria e Piazza Martiri del 7 Luglio, dove si trovano il Teatro Municipale Valli e il Teatro Ariosto. Poco distante, la Galleria Parmeggiani, che raccoglie la collezione d’arte di Luigi Parmeggiani, con dipinti ottocenteschi, mobili, tessuti e armi.

Piazza San Prospero che prende il nome dalla basilica dedicata al Santo patrono di Reggio Emilia.

Piazza Prampolini, la più importante e la più grande, dove si trovano importanti palazzi storici: il Battistero, il Palazzo Vescovile e la Cattedrale.

Come non citare, infine, Piazza Fontanesi!  Una delle più caratteristiche e vissute del centro storico di Reggio Emilia. Alberata e abbracciata dai portici, è un angolo dal sapore antico. Di sera, è vivacizzata e colorata dalle distese dei tanti piccoli locali che vi si affacciano e, ogni sabato mattina, dai banchi del mercato.

Reggio Emilia è anche famosa per la cucina, conosciuta a livello internazionale.

Negli ultimi anni, nel centro storico, ma anche nell’immediata periferia, sono nati numerosi locali di tendenza, con ambienti e menù tradizionali, ma sapientemente rivisitati. Se invece si vuole gustare l’antica cucina emiliana, non c’è che l’imbarazzo della scelta: la città offre tanti ristoranti tipici.

Cappelletti in brodo con il lesso, tortelli d’erba o di zucca, l’erbazzone, i taglieri di affettati, il parmigiano-reggiano…, magari accompagnati dai nostri vini locali come il lambrusco, sono soltanto alcune delle prelibatezze del luogo.

Reggio Emilia è famosa in tutto il mondo anche per la moda! Infatti non molti sanno che l’azienda Max Mara, una delle più importanti fashion house internazionali, è stata fondata  proprio in questa città da Achille Maramotti nel 1951, e ha sede operativa a Reggio Emilia.

Maramotti era un amante dell’arte e la sua collezione di arte contemporanea è tuttora visibile nel vecchio edificio di Max Mara in Via F.lli Cervi.

In provincia di Reggio Emilia, si trova il Borgo di Canossa, simbolo delle Terre Matildiche. Il castello di Canossa è situato sulla sommità di una rupe biancastra di arenaria: sebbene sia sopravvissuto solo il rudere, è il cuore del sito archeologico .

L’immagine storica più famosa è quella dell’imperatore Enrico IV che supplica, ai piedi del castello, restando in attesa per tre giorni, di essere ricevuto dal Papa Gregorio VII, il quale gli revocherà la scomunica il 28 gennaio 1077.

Reggio Emilia: un piccolo gioiello nel cuore dell’Emilia Romagna.

Alcune nostre proposte completamente personalizzabili:

La città del Tricolore

Scorci romantici, botteghe aperte, via vai di persone, si visiteranno le piazze più belle di Reggio Emilia,  e andremo alla scoperta degli angoli più nascosti del centro cittadino tra racconti di storia e leggende!

La città è caratterizzata da un grandissimo numero di portici e piazze  e dalla presenza di palazzi dal grande valore architettonico.

Le Piazze dei teatri, complesso di piazze e strade su cui si affacciano i tre teatri principali della città: il Teatro Municipale dedicato a Romolo Valli, in stile neoclassico, dove si svolge la stagione operistica , il Teatro Ariosto e infine il  Teatro Cavallerizza.

Ammireremo Piazza San Prospero, uno dei luoghi più affascinanti della città, e Piazza Fontanesi detta “la Parigina” per la sua atmosfera raffinata, gli alberi al centro della piazza, i locali per l’happy hour e le dimore eleganti che circondano la piazza.

Piazza Prampolini, il salotto della città, dove si affacciano i monumenti più importanti: il Battistero, la Cattedrale, il Palazzo del Comune che ospita all’interno la sala del Tricolore dove il 7 Gennaio 1797 nacque la Bandiera nazionale italiana, e il Palazzo delle Notarie, antica sede del collegio dei Notai.

Al termine della visita possibilità di  sosta in una pasticceria per gustare le deliziose golosità locali oppure in un locale di tendenza per un buon aperitivo, oppure per un pranzo a base di tipiche specialità emiliane!

Collezione Maramotti: vetrina d’arte contemporanea

Trasferimento e visita con guida nella prima sede produttiva di Max Mara, oggi convertita in spazio espositivo .

La Collezione Maramotti è una galleria privata di arte contemporanea, un’esposizione di oltre 200 opere che si sviluppa su due piani, tra dipinti, sculture e installazioni, rappresentazione delle principali tendenze artistiche italiane e internazionali dal 1945 ad oggi. Dall’informale alla Pop art romana, dal neo-espressionismo tedesco alla new geometry americana.

Reggio Children –Il Centro Loris Malaguzzi

Trasferimento al “Centro Internazionale Loris Malaguzzi” ,Il pedagogista che ha sviluppato il “Reggio Emilia Approach”, una filosofia educativa che è alla base del successo di alcuni asili nidi di Reggio Emilia, esportata in tutto il mondo.

Nel 1991 la rivista Newsweek sancisce la “scuola comunale dell’infanzia Diana” di Reggio Emilia tra le 10 scuole migliori al mondo.

Il Centro Internazionale Malaguzzi è un luogo polifunzionale gestito da Reggio Children dove si organizzano workshop e si promuovono progetti di ricerca e comunicazione adatti anche ad un pubblico non specializzato, che contribuiscono alla conoscenza e diffusione del modello “Reggio Emilia Approach” nel mondo.

Il centro ospita un auditorium, uno spazio espositivo, un centro di documentazione e un atelierRaggio di Luce”: un laboratorio di sperimentazione.

Uno spazio aperto a tutte le età

La Fashion Street: la Via Emilia

“L’esagono della moda”

Uno shopping-tour  esclusivo per il centro di Reggio Emilia: la città del brand Max Mara!

Il personal shopper vi aiuterà a trovare lo stile più adatto a voi !

Entreremo nei negozi  più fashion del brand Max Mara: Max & Co, Marella, Marina Rinaldi,  Penny Black , Sportmax,  Marella, I Blues. 

Prendetevi  del tempo e lasciatevi coccolare e consigliare da una persona esperta! Durante il Tour a piedi faremo sosta in una pasticceria per degustare alcune specialità tradizionali della zona oppure in un locale trendy per gustare un aperitivo.

Su richiesta possibilità di uno shopping-tour, con auto e autista privati, accompagnati da un personal shopper, nei migliori outlet e spacci aziendali.

Itinerario Liberty a Reggio Emilia

Un grande movimento che si irradia nelle varie capitali assumendo connotazioni e nomi diversi: Art Nouveau, Jugendstil, Liberty…

Un tour esclusivo in collaborazione con l’Associazione Italia Liberty www.italialiberty.it/passeggiatalibertyreggioemilia  e con guida specializzata alla scoperta degli edifici Liberty della città.

Si potranno ammirare Ville e Palazzi tra cui il Villino Zironi, il Palazzo del Capitano…

Gli anni della Belle Epoque portarono a Reggio Emilia un gran fermento culturale, che interessò anche il settore dell’edilizia, dando alla luce originali architetture floreali ricche di decorazioni.

Il Tour è particolarmente interessante durante il periodo del Festival Internazionale Art Nouveau Week che si tiene ogni anno nel mese di Luglio.

Back To TopBack To Top