FOLLOW US

SEARCH SITE BY TYPING (ESC TO CLOSE)

+39 338 879 6888it
ende

Skip to Content

La Via Emilia, generatrice di città per eccellenza, lunga strada consolare che attraversa la pianura padana, passa anche dal centro di Modena.

La città è stata per lungo tempo capitale del Ducato dei Signori d’Este.

Piazza Grande è il cuore della città. Il centro è raccolto attorno al Duomo, “superbo documento di fede e di arte” (Franco Violi), e alle strade che circondano la Via Emilia.

Il Duomo, uno dei massimi capolavori dell’arte romanica, insieme con la Torre Civica e Piazza Grande, nel 1997 è stato inserito dall’Unesco nella lista dei patrimoni dell’umanità. A fianco dell’abside del Duomo, troviamo la Torre della Ghirlandina, simbolo della città, così chiamata dai modenesi per il doppio giro di balaustre che circondano la guglia e che somigliano, appunto, a ghirlande.

In piazza Roma, non lontano dalla Ghirlandina, si trova il  seicentesco Palazzo Ducale, che ha ospitato per più di due secoli la Corte Estense e oggi è sede dell’Accademia Militare.

A Modena è legato il cognome della famiglia Panini: chi non ricorda le famose figurine Panini? Sono gli anni 60, quando quattro fratelli inventano le magiche bustine da comperare in edicola. Ancora oggi sono vendute in oltre cento Paesi e a Modena c’è il Museo della Figurina che ne racconta la storia.

Il nome di uno dei Fratelli Panini è legato anche alla collezione CUP (Collezione Unica Panini) di 19 Maserati.

Nel 1996 l’ingegnere De Tomaso, proprietario all’epoca del marchio Maserati, cercò di vendere la collezione ad un’asta di Londra. Per evitare di disperdere questo patrimonio storico Umberto Panini si attivò per acquistarla. Da allora, la Collezione delle 19 autovetture storiche Maserati è fruibile presso il museo CUP di Modena.

A Modena hanno sede le case automobilistiche più famose al mondo!

Ferrari e Maserati! Modena e Maranello (sinonimo di vetture del Cavallino Rampante) sono la culla della Motorvalley.

Show room, fabbriche, musei , collezioni legate ai miti dei motori!

Celebri e ricchi di storia sportiva sono l’autodromo di Monza e l’autodromo internazionale Enzo e Dino Ferrari, noto come autodromo di Imola.

Modena è anche la culla del buon cibo. E’ qui che si trova il miglior ristorante al mondo, nel cuore della Modena medioevale: l’Osteria Francescana, gestita dallo chef Massimo Bottura, tre stelle Michelin, ed eletto per la seconda volta il “miglior ristorante al mondo” in occasione del The World’s 50 Best Restaurant.

Non si può dire di aver conosciuto Modena senza aver gustato il suo più famoso prodotto tipico: l’aceto balsamico tradizionale di Modena, considerato “l’oro nero” di Modena. Una buona occasione è quella di visitare un’acetaia per scoprire alcuni segreti della sua produzione e poter degustare questo “nettare”.  Vedi anche Esperienze gastronomiche.

Per terminare, uno shopping nel mercato più antico di Modena: il mercato Albinelli, in stile liberty, considerato tra i più belli d’Italia, dove poter acquistare le eccellenze gastronomiche modenesi.

Scopri con Emilitaly questa splendida città!

Alcune nostre proposte completamente personalizzabili:

“Gli Imperdibili”di Modena

A piedi per il centro storico di Modena alla scoperta dei monumenti “Imperdibili”.

Nella magnifica Piazza Grande, sito Patrimonio dell’Unesco, si affacciano con armonia il Duomo, prezioso esempio di architettura romanica, la Torre della Ghirlandina, simbolo della città, e il Palazzo Comunale che ospita nel sottotetto l’Acetaia comunale, creata nel 2003  per celebrare la cultura dell’aceto balsamico tradizionale.

La scoperta della città continua in una trattoria tipica esplorando i sapori genuini della cucina modenese.

Al termine del pranzo proseguiremo la visita con un omaggio alla creatività emiliana: visiteremo il Museo Enzo Ferrari. Da una parte la casa natale con le sue memorie, dall’altra la galleria espositiva in un edificio futuristico in cui ripercorreremo la storia del cavallino rampante.

Un’originale alternativa è il Museo della Figurina. Collezione nata dalla passione di Giuseppe Panini che all’inizio degli anni 60 crea l’azienda Panini produttrice di figurine da raccogliere in album tematici.

Alla scoperta della Città Ducale

Una giornata “full immersion” dedicata alla bellezza: una guida ci condurrà a respirare l’atmosfera di amore per l’arte.

Visiteremo la Galleria Estense (all’interno del Palazzo dei Musei), che comprende 4 saloni e 16 salette espositive dedicate al cospicuo patrimonio artistico accumulato.

Tra le opere di maggiore interesse: la Pietà di Cima da Conegliano, la Madonna col bambino del Correggio, il Ritratto di Francesco I d’Este del Velazquez, il Trittico di El Greco, il busto marmoreo di Francesco d’Este I del Bernini e il Crocefisso di Guido Reni.

Trasferimento a Sassuolo, a pochi chilometri da Modena. Qui si trova l’edificio che viene definito la “delizia d’Estense”: il Palazzo Ducale di Sassuolo. Gli Estensi realizzano il loro Palazzo di vacanza sul modello delle principali Regge Europee.

A pochi passi dal Palazzo la Cavallerizza Ducale che ospita il Museo Bertozzi & Casoni, mostra permanente di arte contemporanea in cui la ceramica è utilizzata come mezzo espressivo.

Tra le vie e le botteghe storiche di Modena

Camminando sotto i portici tra le case colorate di giallo, rosa antico e ocra, scopriremo come Modena sia una città a misura d’uomo, ricca di cultura e tradizioni.

Lungo il percorso vedremo alcune botteghe storiche, facendo alcune tappe curiose e golose, tra cui il Museo Profumalchemico.

Visiteremo l’Abbazia dei Padri Benedettini di San Pietro Apostolo, i suoi chiostri e l’antica spezieria Monastica nata insieme al Monastero nel X secolo. Riaperta nel 2007 offre i propri prodotti e anche quelli di altri monasteri italiani ed europei.

Tappa conclusiva al Mercato Albinelli, per scoprire e degustare le eccellenze gastronomiche della città, il mercato coperto, inaugurato nel 1931 in stile liberty è il più antico della città, tra botteghe di salumi, formaggi, banchi di frutta, verdura e pesce.

 

Tra le “Piccole Vigne”

Un’intera giornata per esplorare le colline modenesi e i suoi preziosi frutti.

Trasferimento al borgo di Vignola, a pochi chilometri da Modena. Vignola, il cui nome significa piccola vigna, è famosa per una rossa d’eccellenza, ma senza motore! La Ciliegia IGP.

Visiteremo la Rocca che domina il Borgo, il Palazzo rinascimentale Barozzi, dal nome del progettista Jacopo Barozzi, detto il Vignola. Capolavoro architettonico è la scala a chiocciola custodita al suo interno. Capolavoro del gusto è invece la Torta Barozzi dedicata al Vignola: prelibatezza al cioccolato fondente con mandorle e arachidi tostate, da degustare nell’unica pasticceria che produce la versione originale.

In primavera possibilità di ammirare i ciliegi in fiore, con una breve passeggiata sulla Via dei Ciliegi. Da Maggio, quando il fiore lascerà il posto ai primi frutti, potremo visitare anche un’azienda agricola produttrice di Ciliegie.

Sosta gastronomica in un agriturismo.

Nel pomeriggio visita a Spilamberto dove ha sede la Consorteria dell’Aceto Balsamico Tradizionale e di un Museo dedicato appunto“all’oro nero”.

Itinerario Liberty a Modena

Un grande movimento che si irradia nelle varie capitali assumendo connotazioni e nomi diversi: Art Nouveau, Jugendstil, Liberty…

Un tour esclusivo in collaborazione con l’Associazione Italia Liberty  www.italialiberty.it e con guida specializzata alla scoperta degli edifici Liberty della città.

Solo per citarne alcuni: Il  Villino San Donnino, conosciuto come il più raffinato caso in Emilia Romagna di interpretazione del gusto secessionista e mirabile esempio di conservazione degli interni con arredi appositamente progettati.

Piazza Mazzini, uno degli angoli più raffinati e affascinanti dell’intero centro storico di  Modena, dove si affacciano splendidi Palazzi, tra cui  Casa Levi Finzi progettata da Arturo Prati nel 1907, ammirevole la splendida balaustra per il balcone in raffinato stile LibertyCasa Formiggini  Donati, 1905 dello stesso Prati, costruita secondo i canoni della Wagner Schule germanica .

Il Tour è particolarmente interessante durante il periodo del Festival Internazionale Art Nouveau Week che si tiene ogni anno nel mese di Luglio

Back To TopBack To Top