FOLLOW US

SEARCH SITE BY TYPING (ESC TO CLOSE)

+39 338 879 6888it
ende

Skip to Content

Monthly Archives: Agosto 2020

Passeggiata Liberty a Reggio Emilia

Una piacevole passeggiata culturale alla scoperta degli edifici Liberty della città in collaborazione con l’Associazione Italia Liberty.

La guida culturale ci guiderà in un itinerario inconsueto: entreremo in luoghi poco conosciuti dal grande pubblico, fuori dagli itinerari tradizionali, ma molto significativi. Alcune dimore apriranno eccezionalmente le loro porte: ci si immergerà così in atmosfere esemplari e suggestive.

Villa Zironi. Si tratta del più bel villino signorile tra quanti furono costruiti negli anni Venti lungo i viali di circonvallazione. Vero gioiello dell’architettura di stile eclettico-liberty. L’edificio, fatto erigere dal professor Zironi su disegno di Guido Tirelli, fu terminato nel 1928. Modelli rinascimentali e variazioni liberty si alternano nella composizione; nel complesso l’immagine è maestosa.

Ex Palazzo del Capitano ora Hotel Posta. I cinquecento anni di ospitalità nel Palazzo del Capitano del Popolo, ora Hotel Posta, sono una storia appassionante che si intreccia indissolubilmente con quella della città.

Il palazzo, costruito sul finire del XIII secolo al centro esatto dell’esagono,  rappresenta un documento storico che permette di compiere un viaggio affascinante nella storia dell’arte e dell’architettura: dal romanico al liberty con il contributo novecentesco di un grande progettista come Guido Tirelli . Si visiterà la meravigliosa sala breakfast in stile liberty e il caffè dell’Hotel, dove si potranno ammirare i magnifici arredi di gusto liberty floreale che fino agli anni Trenta avevano ornato i locali della famosa pasticceria Nazzani e che, accuratamente restaurati, furono successivamente inseriti nella splendida location dell’Hotel Posta.

Il Salone dei Banchetti :  La sala, che si trova nell’ex Palazzo del Capitano,  custodisce nove grandi tele, realizzate dal pittore Giuseppe Tirelli e raffiguranti le allegorie dei mesi, inserite a notevole altezza nel decoro architettonico. Nel 1910 il pittore reggiano Giuseppe Tirelli inizia la decorazione della sala banchetti (allora Albergo Posta). I dipinti rappresentano lo svolgersi delle stagioni, raffigurate nel succedersi dei mesi.

 

La passeggiata terminerà con un pranzo presso il ristorante “ Caffè Arte e Mestieri” regno dello chef stellato Gianni D’Amato, nel suggestivo giardino disegnato da Pietro Porcinai, il più grande paesaggista italiano del ‘900.  Un luogo incantato, intimo e accogliente raccolto nel cuore del Palazzo Storico che ospita anche lo show room Max Mara.

A pranzo potrà continuare il dialogo sul liberty .

 

 

READ MORE

Sogni di Blu: ispirazioni esotiche

Maldive, Caraibi? No! Siamo in Puglia!

Le meravigliose spiagge del Salento non hanno nulla da invidiare alle esotiche mete tropicali.

Qui ti vogliamo suggerire alcune spiagge da non perdere:

Torre Lapillo: in questa splendida baia è presente un tratto di scogliera reso unico nel suo genere dalla presenza di una barriera corallina.

Punta Prosciutto: sulla costa Ionica, una delle spiagge più selvagge della regione con il suo mare turchese che bagna chilometri di dune bianche.

Porto Selvaggio: un piccolo golfo naturale fatto di sassolini e acqua trasparente affacciato sul mar Ionio. La sua posizione all’interno di un parco naturale lo rende un’oasi meno frequentata.

Baia dei Turchi: a circa 7 chilometri a nord di Otranto, un angolo di paradiso dalle sembianze caraibiche.

READ MORE

Le masserie: un soggiorno di fascino e relax

Vera e propria anima del Salento, quella più pura e primordiale.

Le masserie sono strutture antichissime, alcune risalenti anche al settecento, in passato erano delle grandi aziende agricole abitate. Questi edifici rurali comprendevano la tenuta, dove abitava il massaro e alcune volte il proprietario terriero, gli alloggi per i contadini, le stalle, granai e frantoi. Alcune masserie, sopratutto quelle situate in zone ad alto interesse archeologico, restano sotto la tutela dei beni culturali.

Immerse nella campagna salentina, circondate da bassi muretti a secco, protette da vigneti e ulivi, le masserie del Salento riportano alla mente un passato antico.

Le masserie moderne costituiscono oggi una delle principali attrattive per chi decide di visitare quest’angolo di Puglia.

 

READ MORE
Back To TopBack To Top